In questa giornata internazionale della donna, che cade in giorni così difficili per il nostro Paese, voglio condividere con voi alcuni dati che possono aiutarci nella riflessione, soprattutto noi uomini.

La totalità delle persone volontarie di Sheep, mi riferisco a coloro che insegnano a lavorare a maglia nei gruppi che abbiamo formato, sono donne.
Gli uomini sono interessati, qualcuno è venuto alle presentazioni, altri ci scrivono, però a oggi le 18 volontarie attive nei gruppi sono tutte donne.
Questo dato può essere spiegato anche con il fatto che storicamente il lavoro a maglia veniva tramandavano fra donne, ma il cento per cento è comunque un dato forte.

Secondo dato, ancora più significativo: oltre l’85% delle donazioni regolari che riceviamo provengono da donne.
Terzo dato: oltre il 70% delle donazioni singole che riceviamo proviene da persone di genere femminile.

Considerazioni finali: non le so, non le voglio fare e sarebbero comunque limitanti. Però secondo me qualcosa sulla fiducia, sulla cessione del sé, sulla relazione, sul muto aiuto e sullo scommettere sulle vite degli altri sentendole anche un po’ proprie, questa storia ha molto da insegnarci.

Donne: continuate a sostenere SHEEP.
Uomini: vediamo di non essere sempre in minoranza e diamoci una mossa 
Come fare: www.sheepitalia.it e scegliete “donazioni”. Va bene tutto ma se scegliete “donazione regolare” va ancora meglio perché ci aiutate a progettare il futuro.

In foto: una volontaria di SHEEP e un’operatrice della cooperativa Humanitas impegnate nel passaggio dai rocchi di lana ai gomitoli.

Saverio Tommasi
presidente di SHEEP