Ingrid lavorava a maglia da sempre…

Ingrid lavorava a maglia da sempre…

“Ingrid lavorava a maglia da sempre. Quando aveva scoperto di essere malata, si era unita a un club in cui uomini e donne affetti da malattie analoghe si riunivano e sferruzzavano tutti insieme per beneficenza. I loro lavori venivano donati ai rifugiati che arrivavano in Svezia senza niente. Il vestito che Ingrid stava realizzando in quel momento era destinato a una bambina siriana che avrebbe fatto da damigella al matrimonio della sorella più grande”.

“Betsan Corkhill, fondatrice dell’organizzazione di Bath chiamata Stitchlinks, che promuove il lavoro a maglia come pratica terapeutica, scrive nelle conclusioni: <<Il lavoro a maglia terapeutico viene utilizzato per gestire l’esperienza del dolore, la salute mentale, la demenza e le dipendenze. I gruppi di lavoro a maglia con scopi terapeutici stimlano le persone ad avere un obiettivo, promuovono la creatività, il successo, la gratificazione e il divertimento, il che risulta particolarmente importante per chi non prova questi sentimenti negli altri ambiti della vita>>.
In poche parole: fare la maglia aiuta noi e le persone che amiamo ad affrontare i momenti bui che prima o poi tutti attraversiamo nella vita”.

di Loretta Napoleoni, “Sul filo di lana”.

Sosteneteci qui con una donazione singola o regolare: https://www.sheepitalia.it/donazioni/ .

Leggeteci e mettete like alla nostra pagina: https://www.facebook.com/sheepitalia/ .

Saverio Tommasi
presidente di SHEEP

Possono interessarti anche…

Fiera Abilmente di Roma

Fiera Abilmente di Roma

Ieri è stato il primo dei nostri quattro giorni alla Fiera Abilmente di Roma, saremo qui fino a domenica, venite a...

LEI È ISOLINA BELBUSTI

LEI È ISOLINA BELBUSTI

Lei è Isolina Belbusti, ha 91 anni e vive in provincia di Ancona. Isolina ha realizzato 6 coperte - proprio delle...