Stiamo facendo la lotta e stiamo costruendo la felicità.
Stiamo cambiando le relazioni umane e vogliamo cambiare il modo di produrre e “consumare” i vestiti, non rinunciando né al caldo né alla bellezza.